Ventola di raffreddamento del motore a velocità variabile

Sarà necessario un PicoScope per eseguire questo test.

Modalità di collegamento dell'oscilloscopio

Canale A

Inserire il cavo stampato BNC del cavetto di prova nel canale A dell’oscilloscopio. Collegare una proba di aggancio posteriore al collegamento positivo del cavetto di prova (rosso) e posizionare un morsetto a coccodrillo nero sulla connessione negativa (nera) e agganciare ad una connessione di terra adatta nel vano motore. Sondare il filo del segnale (il più sottile dei tre fili) al connettore multi-presa del ventilatore.

Canale B

Collegare la presa modellata BNC della pinza amperometrica da 60 ampere al canale B dell’ oscilloscopio. Impostare la pinza sull’impostazione di 60 amp e azzerarla. Posizionare la pinza attorno al filo positivo delle due connessioni a filo resistente della multi-presa del ventilatore. (Potrebbe essere necessario identificarlo attivando l'accensione e utilizzando l'impostazione sull’oscilloscopio da 0 a 20 volt, utilizzando un multimetro o controllare i dati tecnici).

La Figura 1 mostra entrambe le connessioni alla multi-presa del ventilatore. La Figura 2 mostra una connessione di terra adatta. Con l’esempio di forma d'onda visualizzato sullo schermo, è ora possibile premere la barra spaziatrice per iniziare a visualizzare le letture in tempo reale.

Figura 3 - Nella forma d'onda di cui sopra, la ventola di raffreddamento funziona a piena velocità e la tensione ha un ciclo di servizio del 90%.

Figura 4 - Nella forma d'onda di cui sopra, il ventilatore è spento poiché il ciclo di servizio è inferiore al 10%. (Note sulla forma d'onda).

Note sulla forma d'onda

La connessione di esempio è stata effettuata su un veicolo BMW. Questo sistema varia la velocità della ventola tramite un cambiamento nel ciclo di servizio del segnale. La ventola è a riposo al 10% e alla massima velocità al 90%. La ventola o le ventole hanno un alimentazione di tensione costante con il percorso di terra di ritorno acceso dall’unità di controllo elettronico (ECM) del veicolo.

Informazioni tecniche

Molte case automobilistiche utilizzano ora ventole di raffreddamento del motore a velocità variabile all'interno delle loro gamme di modello. Il vantaggio di un ventola di raffreddamento del motore a velocità variabile è che il motore sarà più in grado di controllare la temperatura di funzionamento in condizioni variabili. La velocità della ventola di raffreddamento si riduce con l’aumento di velocità su strada dei veicoli, poiché un volume più grande di aria passa naturalmente attraverso il radiatore. Potrebbe anche essere presente un input nel modulo di controllo elettronico (ECM) del veicolo dall'unità di controllo del clima del veicolo.

Il segnale (traccia blu) mostra il ritorno terra della ventola di raffreddamento sotto forma di un’onda quadra da 0 a 12 volt che è modulata ad una frequenza di 110 Hz. L'ECM regola la velocità della ventola, modificando la larghezza di impulso dell'onda quadrata.

Un segnale che ha il ciclo di servizio più basso (in tempo) si traduce in una velocità della ventola più bassa e con l'aumentare del ciclo di servizio, aumenterà anche la velocità della ventola.

La corrente di assorbimento del ventilatore è misurata utilizzando il morsetto dell’amplificatore. La corrente di assorbimento è di circa 50 ampere quando la ventola è in funzione a pieno regime. La forma d'onda della corrente è mostrata con la traccia rossa nella figura 3.

A seconda del produttore, la ventola o le ventole possono continuare a funzionare anche dopo che l'accensione sia stata spenta fino a quando i motori raggiungono una temperatura predefinita.

Azioni correttive suggerite per le forme d'onda difettose

Assicurarsi che il ventilatore gira a velocità variabile, monitorando il ciclo di servizio sul ritorno terra della ventola di raffreddamento. Questo può essere monitorato utilizzando un oscilloscopio o un multimetro impostato su permanenza . Se il ciclo di servizio della ventola non riesce ad aumentare con l'aumento della temperatura del motore, l’ECM del veicolo deve essere testato da uno specialista per accertarsi che questa funzione sia funzionante.

Far funzionare il controllo del clima ed accertarsi che il ciclo di servizio aumenti. L'aumento nel ciclo di servizio è necessario per tirare più aria raffreddata attraverso il condensatore del condizionatore, che è situato davanti al radiatore.

Nota: Prima di sospettare una qualsiasi componente del veicolo, assicurarsi che il modello particolare presenti la funzione testata in quanto c'è un'ampia variazione tra singoli modelli e produttori.

Dati dei pin

Le connessioni per testare questo ventilatore su un veicolo BMW sono state fatte presso la multi-presa situata nella parte superiore della calandra. I tre fili sono: alimentazione (rosso/blu), una messa a terra (marrone) e il segnale da ECM (giallo/rosso).

AT071-2(IT)

Dichiarazione di non responsabilità
Questa sezione della guida è soggetta a cambiamenti senza notifica. Le informazioni all'interno sono attentamente controllate e considerate corrette. Queste informazioni costituiscono un esempio delle nostre ricerche ed i risultati ottenuti e non costituiscono una procedura definitiva. Pico Technology non si assume alcuna responsabilità riguardo a eventuali imprecisioni. Ogni veicolo può essere diverso e richiedere impostazioni di prova uniche.