Tensione e corrente di carica

Sarà necessario un PicoScope per eseguire questo test.

Modalità di collegamento dell'oscilloscopio

Canale A:

Collegare l’estremità BNC della pinza amperometrica da 60 amp al Canale A dell’ oscilloscopio e impostare la pinza su 20 amp. Collocare la pinza intorno al cavo positivo (+) della batteria con la freccia + rivolta verso il polo positivo della batteria, come in Figura 1.

Canale B:

Connettere un cavetto di prova BNC al Canale B dell’oscilloscopio e quindi collegare un piccolo morsetto a coccodrillo nero all'estremità negativa (nero stampato). All'estremità opposta del cavo, positiva (rosso stampato), connettere un piccolo morsetto a coccodrillo rosso. Posizionare i due morsetti a coccodrillo alle polarità corrette della batteria, come in Figura 1.

Per misurare la corrente di carica, ci deve essere un carico sulla batteria. Attivare i fari abbaglianti, la lampada del freno e le manopole riscaldate (se montate).

Esempio di forme d’onda

Note di forma d'onda

È importante che l'alternatore sia in grado di fornire la tensione e l’uscita di corrente corrette. La tensione regolata consigliata varia leggermente tra i costruttori di moto, ma è invariabilmente compresa fra 13,5 e 15.0 volt. È altrettanto importante che il sistema non sia in sotto-carico o in sovraccarico. La corrente disponibile dall'alternatore varia anche a seconda del tipo di alternatore montato. La corrente dipende dallo stato di carica della batteria e dai carichi attivati. Se l'alternatore ha un problema specifico che riduce la corrente, ad esempio un diodo difettoso, ciò non viene rilevato durante il monitoraggio della corrente e non causa un calo della tensione regolata. Tuttavia, può essere rilevato durante il monitoraggio della forma d'onda dell'alternatore.

Informazioni tecniche

Lo scopo del circuito di ricarica è fornire una tensione regolata per ricaricare la batteria e ricostituire la corrente consumata dai circuiti elettrici del veicolo.

Il rating dell'alternatore tende ad essere specifico al modello; un modello di base ha una richiesta elettrica minore rispetto ad una motocicletta con tipici accessori di alta gamma, come specchi riscaldati, manopole riscaldate, illuminazione supplementare, sedili riscaldati, ecc.

L'output dell’alternatore, come suggerisce il nome, produce un’uscita di corrente alternata (CA), che è corretto in corrente continua (CC) per fornire il tipo di tensione corretto per ricaricare la batteria e mantenerla a piena carica.

L’alternatore ha tre avvolgimenti interni a 120 gradi tra le fasi e richiede nove diodi in configurazione a “ponte” per correggere l’uscita. La tensione è controllata da un regolatore a stato solido, che mantiene la tensione ad un'impostazione predeterminato compresa fra 13,5 e 15 volt circa. La corrente di uscita è determinata dal requisito momentaneo. Ad esempio, una batteria che è stata soggetta ad un avviamento prolungato riceverà un’uscita di amperaggio superiore dall'alternatore rispetto alla batteria in condizione completamente carica.

Il regolatore di tensione/raddrizzatore è spesso un elemento separato. La tensione regolata può essere misurata su un multimetro. Tuttavia, questa lettura può sembrare corretta anche se l'alternatore ha un guasto del diodo che riduce l'uscita del 33%. L'unico vero modo di monitorare l'uscita dell'alternatore è osservare la forma d'onda in uscita con un oscilloscopio.

Le forme d’onda difettose hanno suggerito un’azione correttiva.

Quando si testa il circuito di carica, verificare che la tensione, con tutti i carichi elettrici applicati, sia compresa fra 13,5 e 15,0 volt. Supponendo che tutte e tre le fasi funzionino correttamente, una tensione più bassa del previsto può essere causata dal regolatore di tensione che protegge la batteria dal sovraccarico; oppure potrebbe essere dovuto a un regolatore difettoso o una batteria difettosa che è in grado di accettare la carica.

Dati pin

Non applicabile.

AT102-2(IT)

Dichiarazione di non responsabilità
Questa sezione della guida è soggetta a cambiamenti senza notifica. Le informazioni all'interno sono attentamente controllate e considerate corrette. Queste informazioni costituiscono un esempio delle nostre ricerche ed i risultati ottenuti e non costituiscono una procedura definitiva. Pico Technology non si assume alcuna responsabilità riguardo a eventuali imprecisioni. Ogni veicolo può essere diverso e richiedere impostazioni di prova uniche.