Tensione (doppio driver) e corrente di accensione primaria DIS Utilizzando l’attenuatore di 10:1

Sarà necessario un PicoScope per eseguire questo test.

Nota: Questo file di guida si riferisce ad un attenuatore di 10:1. Se si utilizza un attenuatore di 20:1, si prega di regolare le impostazioni della sonda per il canale rilevante. Queste impostazioni possono essere trovate sotto il pulsante Opzioni di canale, quindi: Sonda > Attenuatore di 20:1.

Modalità di collegamento dell'oscilloscopio durante il test: un circuito DIS di accensione primario

Staccare prima il cablaggio multi presa dalla bobina di accensione. Ricollegare la multi-presa usando cavi di break-out adatti, come illustrato in Figura 1.

Canale A: Tensione primaria - Driver bobina A

  1. Connettere l’attenuatore di 10:1 nel canale A sul dispositivo PicoScope.
  2. Connettere il cavetto di prova BNC all'attenuatore.
  3. Posizionare un morsetto a coccodrillo nero di grandi dimensioni sulla spina nera di prova.
  4. Posizionare il morsetto a coccodrillo nero sul terminale negativo della batteria.
  5. Collegare il cavo di prova colorato alla presa sul cavo di breakout per il driver primario 1, come illustrato in Figura 1.

Canale B: Tensione primaria - Driver bobina B

  1. Connettere un secondo attenuatore di 10:1 nel Canale B sul dispositivo PicoScope.
  2. Connettere il cavetto di prova BNC all'attenuatore.
  3. Trasportare la spina di prova nera nella presa sul cavo negativo del Canale D.
  4. Collegare il cavo di prova colorato alla presa sul cavo di breakout per il driver primario 2, come illustrato in Figura 1.

Canale C: Corrente primaria - Entrambi i driver

  1. Collegare la pinza amperometrica da 60 A nel Canale C del dispositivo PicoScope.
  2. Selezionare l’intervallo di 20 A e accendere la pinza amperometrica.
  3. Premere il tasto «zero» prima di collegare la pinza amperometrica al circuito.
  4. Posizionare la pinza sul filo delcavo di breakout che fornisce la bobina. Non collocare l'unità intorno al telaio che contiene anche il negativo (o negativi a seconda del sistema di accensione). I collegamenti sono illustrati in Figura 1.

Esempio di forme d’onda

Note sulla forma d'onda

La forma d'onda mostra le tensioni del driver per entrambi gli avvolgimenti nella bobina di accensione. Mostra inoltre la corrente assorbita durante entrambi gli eventi del driver, permettendo di vedere se entrambe le bobine attingono alla stessa quantità di corrente durante il ciclo di funzionamento.

Informazioni tecniche

Sistema di accensione senza distributore (DIS)

DIS ha maggiori vantaggi rispetto al sistema d’accensione basato sul distributore. Questi vantaggi includono un'assenza di rotazione dei componenti di distribuzione ad alta tensione e livelli molto più bassi di interferenza elettromagnetica.

DIS viene montato solo su veicoli che hanno un numero pari di cilindri, ad esempio 2, 4, 6 o 8. Infatti, due cilindri sono collegati a una bobina, che può inviare una scintilla ad entrambi i cilindri allo stesso tempo. Questo sistema è comunemente noto come un sistema a scintilla sprecata. Le due candele di accensione sono disposte in modo che una sia accesa nella fase di potenza del motore e l'altra nella fase di scarico del cilindro opposto, con una deviazione di 360 gradi. Dopo una rotazione completa del motore, i due cilindri sono ora in due fasi opposte e le due candele di accensione si accendono nuovamente ma con ruoli opposti.

Su un motore a quattro cilindri, ci sono due bobine con singoli driver che tendono ad operare i cilindri 1 e 4, e 2 e 3. Questo significa che c'è una scintilla doppia ogni 180 gradi, con una di quelle scintille sprecate in una fase di scarico del cilindro opposto che si sta accendendo nella fase di potenza.

Per ulteriori informazioni, vedere i seguenti argomenti:

AT395-1(IT)

Dichiarazione di non responsabilità
Questa sezione della guida è soggetta a cambiamenti senza notifica. Le informazioni all'interno sono attentamente controllate e considerate corrette. Queste informazioni costituiscono un esempio delle nostre ricerche ed i risultati ottenuti e non costituiscono una procedura definitiva. Pico Technology non si assume alcuna responsabilità riguardo a eventuali imprecisioni. Ogni veicolo può essere diverso e richiedere impostazioni di prova uniche.