Flussometro dell’aria - A palette

Sarà necessario un PicoScope per eseguire questo test.

Modalità di collegamento dell'oscilloscopio

Connettere un cavetto di prova BNC nel canale A sul PicoScope, posizionare unmorsetto coccodrillo nero di grandi dimensioni sul cavetto di prova con la modanatura nera (negativo) e un una sonda di aggancio posteriore sul cavetto di prova con la modanatura rossa (positivo).

Posizionare il morsetto a coccodrillo nero di grandi dimensioni al terminale negativo della batteria e il terminale di output del sensore di flusso dell’aria con la sonda di aggancio posteriore come illustrato in Figura 1. Se non è possibile raggiungere il terminal o lo spinotto con una sonda, utilizzare quindi si può essere in grado di utilizzare una scatola esterna per le connessioni (breakout box) o un connettore esterno, se disponibile.

Quando si verifica il flussometro dell’aria, potrebbero essere necessari vari tentativi per centrare la forma d’onda quando si cattura l'output.

Con la forma d'onda di esempio visualizzata sullo schermo, toccare ora la barra spaziatrice per iniziare a guardare le letture in tempo reale. Scattare rapidamente l'acceleratore da inattivo a pieno gas e osservare la forma d'onda.

Esempio delle forme d'onda

Note sulla forma d'onda

La tensione di uscita dalla pista interna del flussometro dell’aria (AFM) dovrebbe essere lineare a movimento dell’aletta. Questa misurazione può essere eseguita su un oscilloscopio e dovrebbe essere simile all'esempio riportato.

La forma d'onda dovrebbe indicare circa 1,0 volt quando il motore è al minimo, aumentando ad un picco iniziale mentre il motore viene accelerato. Questo picco è dovuto all’inerzia naturale delle palette e scende momentaneamente prima che la tensione aumenti un’altra volta per un altro picco a circa 4,0 - 4,5 volt. Tuttavia, questa tensione dipenderà dall’accelerazione del motore, quindi una tensione più bassa non è necessariamente un difetto dell’AFM. In decelerazione, la tensione scende bruscamente quando il braccio del tergicristallo, a contatto con la pista di carbonio, ritorna alla posizione di riposo. In alcuni casi, questa tensione può scendere sotto la tensione iniziale prima di tornare alla tensione dello stato inattivo. La tensione finale scende gradualmente su un motore dotato di una valvola di controllo velocità al minimo, in quanto questa torna lentamente il motore allo stato inattivo base come una caratteristica anti-stallo.

Viene utilizzata una base di tempo di circa 10 secondi o più, che consente all'operatore di visualizzare il movimento di AFM su uno schermo, dallo stato inattivo fino ad accelerazione e nuovamente indietro allo stato inattivo. La forma d'onda deve essere pulita, senza una caduta in tensione, in quanto ciò indica una mancanza di continuità elettrica. Un buon esempio è mostrato sulla forma d'onda di esempio di un 'AFM 12 volt difettoso'. Questa situazione è comune in un AFM con una pista di carbonio sporca o difettosa. Il problema verrà visualizzato come una zona piatta o un’esitazione durante la guida del veicolo ed è tipico su veicoli con un chilometraggio elevato che hanno trascorso la maggior parte della loro vita lavorativa con l'acceleratore in una posizione predominante.

Il 'pasticcio' sulla forma d'onda è dovuto al cambiamento del vuoto dagli impulsi di induzione durante il funzionamento del motore.

afm Airflow meter

Figure 2

Informazioni tecniche

Questo tipo di flussometro dell’aria è probabilmente la versione più popolare utilizzata ed è stato utilizzato su sistemi quali Bosch L, LE, LE3 e Motronic e Ford CEE IV. Diversi produttori giapponesi hanno basato i loro sistemi anche su questo apparecchio collaudato. Il flussometro dell’aria a palette funziona con l'aria che fluisce nel motore passando attraverso l'impianto di dosaggio, su un’aletta caricata a molla che si muove in proporzione al flusso di aria che entra nel motore. Il movimento delle palette è registrato da un braccio tergitore che si muove attraverso una pista di carbonio, e la tensione di uscita da questo viene segnalata nuovamente al modulo di controllo elettronico (ECM) che poi eroga la giusta quantità di combustibile per il flusso d'aria misurato.

L'AFM può avere un numero variabile di collegamenti elettrici. Quelli comuni sono elencati di seguito.

Le unità a quattro terminali dispongono di:- una tensione di alimentazione, messa a terra tramite l’ECM, un output dal sensore di temperatura dell’aria e l'uscita dal flussometro dell’aria a palette.
Le unità a cinque terminali dispongono di:- come sopra, ma con un'ulteriore output da un potenziometro di monossido di carbonio (CO).


Le unità a sette terminali dispongono di:- come l'unità a quattro terminali più un filo supplementare per il sensore di temperatura dell’aria e due terminali per i contatti della pompa di carburante. Questi contatti chiudono e completano il circuito sulla pompa di carburante quando il motore è azionato a manovella e l'aria in ingresso muove l’aletta di circa 5°. Si tratta di un tipico AFM equipaggiabile su determinati Range Rover.

La tensione di uscita dalla pista interna dovrebbe essere lineare al movimento dell’aletta. Questo può essere misurato su un oscilloscopio e dovrebbe apparire come descritto in esempio sopra riportato.

L'AFM ha anche una camera di compensazione interna che stabilizza il movimento dell’aletta ed evita il movimento irregolare da impulsi di induzione. Il contenuto di co-miscela viene regolato tramite un by-pass dell'aria interna o un potenziometro, a seconda della versione.

Figura 2 mostra un flussometro dell’aria a palette. Questa unità è da un sistema Bosch LE3 e l'unità di controllo è montata sulla parte superiore del corpo del flussometro dell’aria.

AT008_2(IT)

Dichiarazione di non responsabilità
Questa sezione della guida è soggetta a cambiamenti senza notifica. Le informazioni all'interno sono attentamente controllate e considerate corrette. Queste informazioni costituiscono un esempio delle nostre ricerche ed i risultati ottenuti e non costituiscono una procedura definitiva. Pico Technology non si assume alcuna responsabilità riguardo a eventuali imprecisioni. Ogni veicolo può essere diverso e richiedere impostazioni di prova uniche.